Avvisi bonari: Rateazione arriva il lieve inadempimento

Avvisi bonari: Rateazione arriva il lieve inadempimento

Avvisi bonari: Rateazione arriva il lieve inadempimento

Gli avvisi bonari fino a €. 5.000 si potranno dilazionare in otto rate al posto delle attuali sei e lievi irregolarità non comprometteranno l’intera rateazione. Queste sono le principali novità introdotte dal D.Lgs. n. 159/2015 (in vigore dal 22 ottobre 2015), che ha apportato una consistente revisione alla disciplina della riscossione dei tributi. Tuttavia, la decorrenza di queste nuove e più favorevoli disposizioni sarà legata al periodo di imposta di riferimento e non all’entrata in vigore del decreto sulla riscossione. Vediamo più in dettaglio le novità.

Novità sulla rateazione – Nella legge delega per la riforma fiscale era stato previsto l’ampliamento dell’istituto della rateazione dei debiti tributari ed era stato anche disposto che errori di limitata entità non comportassero l’automatica decadenza dalla rateazione. Il D.Lgs. n. 159/2015 prevede così un innalzamento del numero massimo di rate per le somme fino a €. 5.000 derivanti dalla liquidazione automatizzata della dichiarazione (ex articolo 36-bis del DPR n. 600/1973 e 54-bis del DPR n. 633/1972, c.d. “avvisi bonari“) e dai controlli formali (articolo 36-ter del DPR n. 600/1973 c.d. “controlli documentali“). Queste si potranno rateizzare in otto rate trimestrali (in luogo delle attuali sei). Per gli importi superiori, invece, il limite massimo rimane di 20 rate trimestrali. La prima rata va versata entro 30 giorni dal ricevimento dell’avviso bonario, mentre le altre scadranno l’ultimo giorno di ciascun trimestre, semplificando così gli adempimenti del contribuente. Invariato poi, l’obbligo di corrispondere gli interessi calcolati sull’importo delle rate seguenti a decorrere dal primo giorno del secondo mese successivo a quello di elaborazione della comunicazione. Le stesse previsioni si applicano anche agli avvisi bonari inviati per la riscossione delle imposte dovute a seguito di tassazione separata.

Entrata in vigore – L’entrata in vigore delle nuove modalità di rateazione degli avvisi bonari e degli avvisi a seguito di controllo documentale della dichiarazione dei redditi, è differenziata rispetto all’oggetto del controllo:
• per il controllo automatizzato varranno dalle dichiarazioni relative al periodo d’imposta 2014;
• per il controllo formale a partire dalle dichiarazioni dell’anno 2013;
• per le tassazioni separate (articolo 17 del Tuir) dalle dichiarazioni per l’anno 2012, mentre per le altre tassazioni separate (articolo 21 Tuir), dalle dichiarazioni relative al 2013.
Le attuali rateazioni dovranno dunque seguire le regole vigenti e anche le notifiche delle prossime comunicazioni bonarie, riferite a periodi di imposta diversi da quelli espressamente indicati nel decreto, si potranno rateizzare in sei rate e non in otto.

Avvisi Bonari: nuovi piani di rateazione dei pagamenti in otto rate trimestrali e introduzione del concetto di lieve inadempimento che eviterà la decadenza dal beneficio della rateazione.

Lieve inadempimento – La norma, poi, per le ipotesi di inadempimento, fa espresso rinvio al nuovo articolo 15-ter del DPR n. 602/73, che introduce nel nostro ordinamento il concetto dilieve inadempimento. È stato, infatti, inserito un articolo per regolare le violazioni commesse dal contribuente durante la dilazione delle somme e la non punibilità degli inadempimenti di piccola entità. In caso di rateazione degli avvisi bonari, il mancato pagamento della prima rata ovvero delle rate diverse entro il termine di pagamento della successiva, comporta la decadenza dal beneficio della rateazione. Tuttavia, la decadenza è esclusa in caso di “lieve inadempimento“, che ha l’obiettivo di salvare la rateazione da errori o omissioni di gravità trascurabile. Il lieve inadempimento si verifica esclusivamente nei seguenti casi:
• il versamento della rata è insufficiente per una frazione non superiore al 3% e in ogni caso a €. 10.000. L’omissione è reiterabile: per cui se il contribuente incorre più volte in questa lieve violazione, con riferimento ad una pluralità di rate, ciò non comporta la perdita del beneficio del termine;
• il versamento della prima rata è stato eseguito con un ritardo non superiore a sette giorni. Per le rate successive alla prima, non vi è tolleranza alcuna sui tempi di pagamento: in pratica, se il contribuente versa una delle rate successive alla prima con un ritardo anche di un solo giorno rispetto alla scadenza della rata immediatamente seguente, la dilazione decade.
Resta confermata la decadenza dalla rateazione qualora il contribuente non versa la prima rata o in caso di mancato pagamento di una delle rate successive diverse dalla prima entro la scadenza della rata successiva. Questa previsione è molto importante poiché non di rado l’Agenzia ha disconosciuto i benefici conseguenti all’avviso bonario per un ritardo nel pagamento della prima rata anche di un solo giorno. Circostanze che possono frequentemente capitare anche solo a causa di disguidi nella notifica.La nuova previsione quindi dovrebbe risolvere tali contrasti e verosimilmente, anche in applicazione delfavor rei per simili irregolarità commesse in passato se ne potrebbe richiedere l’applicazione.
Il D.Lgs. n. 159/2015 prevede che la decorrenza, anche per la non punibilità del lieve inadempimento, coincida con quella prevista per le nuove rateazioni, differenziata quindi secondo il periodo di imposta di riferimento. Così ad esempio, per un controllo automatizzato su una dichiarazione relativa al periodo d’imposta 2013 la nuova nozione non si applicherà.
Cosa fare in caso di mancato pagamento? – Come abbiamo visto il contribuente decade dalla dilazione se non paga nei tempi di legge la prima rata oppure se non paga una rata diversa dalla prima entro la scadenza di quella successiva. Si può rimediare a quest’ultima omissione attraverso il cosiddetto ravvedimento operoso: in pratica, il debitore che salta una rata diversa dalla prima, può regolarizzare la propria situazione pagando l’importo dovuto (entro la scadenza della rata successiva), maggiorato degli interessi legali e della sanzione ridotta, variabile in ragione del ritardo con il quale avviene il versamento. In particolare, per ritardi non superiori a 30 giorni, si versa la sanzione pari a un decimo di quella di legge. Per ritardi superiori, non eccedenti 90 giorni, la sanzione diventa un nono di quella di legge. Se l’omissione del pagamento riguarda l’ultima rata trimestrale, il ravvedimento dovrà essere eseguito non oltre 90 giorni dalla relativa scadenza. Decorso tale termine, scatta la sanzione piena del 30% dell’importo non pagato: sanzione che viene iscritta direttamente a ruolo e passa a Equitalia (la quale deve notificare la cartella di pagamento entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di scadenza dell’ultima rata). Se il contribuente decade dalla dilazione, sulle somme residue dovute a titolo di imposta è dovuta una sanzione pari al 45% delle somme stesse (in precedenza era del 60%).

Fonte: FiscoMania

Comments are closed.